Google Zeitgeist

Per caso scopro che Google a fine anno mette a disposizione delle statistiche dove per una serie di argomenti fornisce le 10 parole più cliccate. L’operazione si chiama google zeitgeis. L’obiettivo, come suggerisce la parolona tedesca, è fornire lo spirito del tempo.

Sbirciando a caso scelgo l’anno 2012, paese Italia e tra le varie voci, Che cosa significa, Concerti, Mostre, etc, scelgo la lista Come fare.

Al primo posto c’è come fare l’amore. E questo non mi sorprende. Penso agli adolescenti, al desiderio di scoperta, al fatto che prima di affrontare il soggetto in carne e ossa uno possa lecitamente farsi un’idea su internet, cliccare banalmente su un motore di ricerca.

Al secondo posto: come fare un clistere. E qui mi fermo. Sbalordito.

Rileggo, controllo, esco e rientro nel sito per verificare. E’ proprio così. In Italia il secondo soggetto più ricercato in google con la frase come fare… è il clistere.

Do un’occhiata al volo agli altri paesi, Spagna, UK, Francia, ma il clistere non compare in nessuna delle liste. Solo in Italia.

Nella sovrabbondanza diffusa, nel sovrappeso generalizzato di questo paese bizzarro, subito dopo l’amore, una delle principali ricerche rivela l’esigenza di liberarsi artificialmente di un peso, di un intoppo.

Faticando a farmene una ragione, mi concedo il dubbio che questo secondo posto in classifica sia più il risultato di una curiosità che di una necessità reale. Ma chi lo può dire.