Postcard from Annaba

Postcard from Annaba

Oltre le dolcezze dell’Harry’s Bar e le tenerezze di Zanzibar c’era questa strada… (Hemingway, Paolo Conte)

Annunci

Per atterrare a Odessa

Per atterrare a Odessa l’aereo compiendo una dolce virata si dispone in modo che lo sguardo attraverso i finestrini cade in perpendicolare a terra. In principio compaiono ancora lontani dalla nostra quota case e pa­lazzi tra brandelli di nubi e vapore. Perdendo quota le strade e le case scorrono sempre più velocemente come se l’ae­reo acquistasse velocità. Quindi compie l’ultimo tratto di volo prima della pista di atterraggio, sempre in virata, sopra un enorme cimitero. Si distinguono perfettamen­te le croci ortodosse, in ferro e legno, disposte in file regolari su un prato verde pallido. Scenden­do verso l’aeroporto le croci sono sempre più nitide. Viene spontaneamente il pensiero che per una tetra ironia della sorte l’aereo potrebbe schiantarsi proprio tra quella interminabile serie di croci.

L’at­terraggio e la vista del cimitero tolgono la voglia di parla­re ai passeggeri. Improvvisamente sembriamo piombati in un silenzio irreale.

Fuori dai finestrini piove. L’aereo si ferma sulla pista. Dopo qualche minuto si dirige verso un punto a noi sconosciuto. Nei pa­raggi non ci sono palazzi o capannoni e nemmeno auto­bus per i passeggeri. Nessuna indicazione sull’aeropor­to. Sappiamo che è Odessa, ma a giudicare dall’assenza di personale di terra, dagli aerei immobili parcheggiati in lontananza e da questo cielo grigio che riga di pioggia il finestrino e bagna l’asfalto, potremmo essere in qualsiasi luogo.

Dalla scaletta dell’aereo guardo se mi riesce di scorgere la traccia di una qualche periferia, ma l’orizzon­te è chiuso da una cortina di betulle.

L’aeroporto è un edificio fatiscente con i vecchi sim­boli del partito ancora appesi al cornicione e in alto, sul tetto, a caratteri cubitali, la scritta Odessa.

Dopo la fila per il controllo del passaporto ritiriamo i bagagli in un corridoio appena illuminato dalla luce gialla dei neon appesi al soffitto. Al centro di un’ampia stanza fredda, con un forte odore di ammo­niaca e cemento, è parcheggiato un carro con sopra i bagagli. Negli angoli ci sono macerie, piastrelle, bidoni di tempera. Attraverso porte semiaperte si scorgono altre stanze dalle pareti scalcinate.

Il mio collega non ha l’aria né sorpresa né attonita e anch’io in questo momento penso di avere un volto inespressivo. Ci scambiamo poche parole, lo stretto necessario.

Guardo l’orologio. Siamo in ritardo. È oramai buio e ci aspettano seicento chilometri in auto per arrivare a Mariupol.

Nell’atrio dell’aeroporto c’è una ressa di per­sone che attendono. Una signora ha in mano un cartello con scritti i nostri nomi. È una sconosciuta. Non mi aspetto di vederla sorridere, ma so che sarà lei a pren­dersi cura di noi.

 

Postcard from Kiev

Postcard from Kiev

Qui dove anche le rondini si fermano il meno possibile,
qui dove tutto mi sembra indimenticabile.
(Le luci della centrale elettrica)

La mia valigia 24 ore

È una cosa che volevo fare da tempo: vuotare sul letto il contenuto della mia valigia 24 ore. Un esercizio alla Perec, l’elenco di quello che mi porto appresso quando vado all’estero e sono in giro per lavoro.

Parto dalla tasca sul retro, quella con la cerniera. C’è l’agenda planning della Quovadis, poco più grande di un portafoglio,  con la copertina nera, già un po’ ingrossata per le pagine scritte: siamo in giugno e di linguette in angolo da strappare – una per ogni settimana – apparentemente ne restano poche.

Un numero dell’Economist intitolato The war beyond the war con un carrarmato in copertina che bombarda o si accinge a bombardare Beirut. Il taccuino della Moleskine, anche questo grande come un portafoglio e con la copertina nera. Ci scrivo i miei appunti di getto: idee, brevi osservazioni. Sulla prima pagina dove c’è scritto As a reward dollars nel caso che lo smarrisca e lo ritrovi qualcuno, ho scritto 500, ma ho sempre il dubbio di avere esagerato, anche perché la maggior parte degli appunti li trascrivo in breve tempo al computer. Un libro: Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar in un’edizione pubblicata qualche anno fa da Repubblica. È il libro che sto leggendo in questi giorni. Un cd che mi ha dato il Direttore Commerciale sui progetti relativi alla Carrettera Panamericana che non ho ancora visto e che non ho intenzione di vedere. Un pacchetto di fazzoletti di carta. Un astuccio trasparente con spazzolino da denti e dentifricio. Due buste da lettere dell’hotel Tergui di Bourdj Bou-Arrerid in Algeria, che ho tenuto ma non so se userò mai. Un piccolo blocchetto a quadretti con i fogli staccabili, anche questo per gli appunti. Un paio di chiavette USB per fare il back up del computer. Un depliant informativo sui lavori autostradali in corso in Italia e in programma di realizzazione. Un righello sottile e flessibile. Una graffetta rosa. Un evidenziatore giallo della Faber Castell. Tre matite. Sette penne a sfera. Tre salviette rinfrescanti dell’Alitalia. Il mazzo di chiavi della casa in via Siepelunga che mi ero scordato di avere in valigia. Un sacchetto trasparente e malandato contenente tre caramelle al miele e propoli per il mal di gola: sono dell’inverno scorso, la confezione è oramai impresentabile.

Passo alle tasche centrali. Nella prima tasca ci sono vari fascicoli. Una busta contiene quelle che sono le note dei lavori in corso, delle cose da fare o fatte  durante la settimana. Fogli ed estratti di riviste che riguardano il lavoro, estratti di documentazione tecnica, copie di fax di clienti da contattare o contattati. Sei pagine di appunti in lingua russa, una fotocopia di un biglietto da visita di un danese, un foglio che riassume il fatturato degli ultimi tre anni e il budget dell’anno in corso. La fotocopia di una fattura proforma. Il riepilogo del fatturato di tutti i mercati esteri, il testo di una canzone di Robbie Williams: Advertising space. Una copia del listino prezzi dei prodotti più venduti dell’azienda. Alcuni fogli bianchi.

Un’altra busta di plastica trasparente contiene una copia del mio contratto annuale di lavoro ed un modulo da compilare per le detrazioni d’imposta. Nella busta successiva ci sono degli estratti di bando di gara pubblicati su internet, l’indirizzo di alcune amministrazioni comunali e provinciali dell’Emilia-Romagna. Una busta vuota. Una cartellina trasparente con i titoli dell’album Illinois di Sufjan Stevens e degli appunti di lavoro. Una busta con la delega per l’auto aziendale ed una cartina stradale fotocopiata della provincia di Bergamo. Una decina di cataloghi aziendali. Uno studio preventivo in inglese su un lavoro eseguito sul grande raccordo anulare di Roma. Una cartellina con scritto sopra a penna Formazione, che contiene un fascicolo di appunti e fotocopie relative a vari prodotti e tecnologie per le costruzioni stradali. Questo è quello che contiene la tasca principale della borsa.

Nella tasca centrale c’è il computer portatile.

La tasca successiva contiene una macchina fotografica digitale, il carica batteria del telefono cellulare, un adattatore universale per le prese elettriche. Una busta di plastica dell’agenzia viaggi La Trottola, vuota. Un biglietto aereo dell’Austrian Airlines Bologna-Vienna-Kiev già usato. Una busta di plastica gialla che contiene varie cose alla rinfusa: un mazzetto di miei biglietti da visita, una tessera mille miglia dell’Alitalia, una tessera Frequent Traveller della Lufthansa, una bustina di miele, un foglietto piegato in tre con indicate tutte le compagnie del gruppo Sky Team, un biglietto da visita di un cliente, la scheda con i codici di accesso del cellulare, due schede in spagnolo sul segno zodiacale del leone e del cancro comprate a Buenos Aires, un’altra delega per l’auto aziendale, cinque pastiglie di antistaminico per l’allergia ai pollini, quattro foto formato tessera, due chiavette di una valigia che non uso da tempo, una graffetta, un elastico, alcuni spiccioli di moneta lituani e un centesimo di euro. Un temperamatite. Banconote avanzate dai viaggi di vari paesi: Tunisia, Marocco, Lituania, Ucraina, Romania, Repubblica Ceca, Algeria, Ungheria, Russia.

Prima della tasca frontale ci sono tre piccoli scomparti che contengono un lettore musicale mp3 con gli auricolari ed il cavo per ricaricarlo, un blocchetto di post-it gialli rettangolari, la carta d’identità e il passaporto. Un sacchetto di stoffa che contiene il cavetto con le cuffie da collegare al computer portatile e un altro lettore mp3. Una piccola calcolatrice.

Nell’ultima tasca, quella frontale, c’è una scatola contenente una scheda di connessione a internet via etere. Un cavetto per la connessione del computer alla linea telefonica. Il cavetto per caricare la batteria della macchina fotografica. Due cavetti per la connessione del computer alla rete elettrica.

Questo è tutto quello che c’è nella mia borsa 24 ore che porto sempre con me.